Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più
» 15novembre2016

Cucine&Vini

Di buoni frutti parliamo anche quando incontriamo Dalila Gianfreda che, insieme a sua sorella Emanuela, rappresentano la quinta generazione e l’anima innovativa dell’Antica Masseria Jorche (Contrada Jorche, Torricella), una realtà moderna con alle spalle una lunga tradizione vitivinicola.
Siamo sul versante orientale della provincia di Taranto; qui le viti - esclusivamente delle varietà autoctone quali Primitivo, Negroamaro, Fiano Minutolo e Bianco di Alessano - sono situati a pochi metri dal mar Jonio. 
“Tutta la produzione avviene nella nostra masseria seicentesca" - spiega la giovane produttrice che ha negli
occhi la passione di chi racconta la propria terra -.
Le botti riposano in una bottaia interrata dove l’affinamento avviene per dodici mesi in barrique, una piccola parte,
solamente per il Primitivo Riserva, riposa nei capasuni, ovvero antiche anfore di terracotta”. Il risultato è “la potenza fatta vino”, ovvero un Primitivo di Manduria Riserva 2011 di un colore rosso rubino impenetrabile che al naso regala un bouquet ampio: sentori di tabacco, prugna e cacao si accordano naturalmente a un gusto rotondo e vellutato, perfettamente equilibrato....


L'ospitalità ANTICA MASSERIA
privacy policy - cookie policy